La fattura elettronica in Argentina

e-Invoicing argentina

CAECodice di Autorizzazione Elettronico

Le origini della Fatturazione Elettronica in Argentina risalgono al 2009, ma la sua diffusione massiva è iniziata solo a luglio 2015 con la Risoluzione Generale 3749. Attualmente, come previsto dalla R.G. 4290, la Fattura Elettronica è obbligatoria per tutte le categorie di imprese, compresi i contribuenti soggetti a monotributo.

Amministrazione fiscale: 

AFIP - Administración Federal de Ingresos Públicos

Obbligatorietà

Da aprile 2019, la Fatturazione Elettronica è obbligatoria per le aziende di tutte le categorie, comprese quelle soggette a monotributo, con la possibilità di optare per la modalità elettronica di emissione delle fatture e senza l’uso dei registratori di cassa.

Requisiti amministrativi

È necessario richiedere il CAE (Codice di Autorizzazione Elettronico) all'AFIP.

Firma elettronica

Non è obbligatoria, anche se l’utente deve autenticarsi in WebServices mediante un certificato digitale.

Formato di stampa

Deve includere un codice a barre e un codice QR, scansionabile da una fotocamera standard di un dispositivo mobile o tablet con connessione a Internet per accedere alle informazioni.

Controllo fiscale

Nella fattura deve essere inserito un CAE (Codice di Autorizzazione Elettronico), che si ottiene dopo aver inviato il documento XML all'AFIP.

Formato

Non esiste un formato definito. Il mittente genera il documento nel formato concordato con il cliente, ma deve inviare la fattura emessa in formato XML tramite WebServices all'AFIP.

Conservazione

Obbligatoria sia da parte del soggetto mittente, che del destinatario, per 10 anni.

Dubbi sulla Fatturazione Elettronica in Argentina?

Possiamo risolverli
Contattate gli esperti dell’Osservatorio permanente.

Ultime notizie

La fattura elettronica in America Latina: Una sfida per le multinazionali

Le multinazionali presenti in America Latina non solo si devono adattare alle particolarità commerciali dei propri clienti regionali, ma devono...